(Italiano) Mario Trovarelli – Psicologia Naturalista * Scrittura espressiva, un racconto (1)

Published on: July 16, 2015

Filled Under: UNCATEGORIZED,

Views: 1030

Tags: , , , , , , ,

Sorry, this entry is only available in Italian.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinFacebooktwittergoogle_pluslinkedin

8 Responses to (Italiano) Mario Trovarelli – Psicologia Naturalista * Scrittura espressiva, un racconto (1)

  1. Giuliana Ocovich says:

    L’ho letta tutta d’un fiato. E’ molto bella. Ha una bella musicalità. Mi sono emozionata.
    E’ questa la scrittura espressiva? Come ci si arriva alla scrittura espressiva? Grazie.

    • Mario Trovarelli Mario Trovarelli says:

      *

      sì, è questa la scrittura espressiva.
      quella che non ti lascia il tempo e lo spazio per pensare. perché nel frattempo ti stai emozionando.

      ho messo a punto un modo molto semplice per imparare a scrivere in modo espressivo.
      ne parlerò in uno dei miei prossimi articoli.
      grazie.

      *

  2. Alice Pravisani says:

    questo è il mio racconto preferito. è impossibile arrivare alla fine senza almeno una lacrima. in questo racconto volo anch’io sul mare, urlo al vento e poi piango tutto ciò che è perso.
    questo racconto parla di un pilota, è vero, ma principalmente dà forma al dolore…e lo fa così bene che è possibile sentirlo vividamente sulla pelle.
    complimenti.

    • Mario Trovarelli Mario Trovarelli says:

      *

      grazie Alice.
      per aver riscritto il mio racconto attraverso il tuo dolore.
      è questo che mi dà la spinta a scrivere. raggiungere la sensibilità delle persone che leggono… e che riscrivono con me il racconto che così diventa universale.

      *

  3. Federica says:

    Buon giorno Dottore, ho letto diverse volte i suoi racconti e mi colpiscono per la naturalezza l’autenticità che trasmettono, le emozioni scorrono e travolgono!
    E’ possibile imparare a scrivere in questo modo?

    • Mario Trovarelli Mario Trovarelli says:

      *

      sì. è possibile. anzi di fatto tutti lo saprebbero fare naturalmente.
      ma ultimamente l’umanità ha dimenticato la naturalità. così non sappiamo più fare gesti semplici, come ad esempio piangere… ridere… commuoverci… arrabbiarci… perdonare…

      sono queste le cose che scrivo.
      potenti perché semplici.
      arrivano senza ostacoli al lettore perché partono da profondità mentali che sono patrimonio di tutti.

      siamo tutti uguali laggiù… dove nasce la vita.

      più avanti tuttavia parlerò di come si può riscoprire questa capacità. per scrivere in modo nascente… espressivo.

      *