Last Men in Aleppo, il canto dell’olocausto siriano

ANTEPRIMA ITALIANA

Last Men in Aleppo, vincitore del gran premio della giuria come miglior documentario dell’edizione 2017 del Sundance Film Festival, inaugura stasera alla presenza del regista  Firas Fayyad ( co-regia di Steen Johannessen), inaugura stasera a Firenze l’ottava edizione del Middle East Now. Dedicato a The White Helmet, gli eroici elmetti bianchi, i volontari civili siriani che nell’inferno della guerra civile rischiano quotidianamente la vita (e infatti contano molti morti) per soccorrere le vittime dei bombardamenti. Che, detto per inciso, non accennano a diminuire. Come testimoniano le tragiche notizie dell’ennesima strage di civili nella città di Khan Sheikhan, sobborgo di Idlib, oggi 4 aprile. Un bombardamento con gas tossici, anche diversi bambini fra le vittime. Come sempre, la condanna dell’ONU, come sempre, nulla cambierà. Un olocausto infinito sotto gli occhi del mondo.

(prosegue dopo il video)

 

Esiste anche un mondo che si scuote e denuncia impotente. Poco dopo la vittoria al Sundance Film Festival, un documentario prodotto da Netflix e girato anch’esso ad Aleppo, White Helmets, vince l’Oscar come miglior documentario breve.

 

facebooktwittergoogle_pluslinkedinfacebooktwittergoogle_pluslinkedin